2 dicembre 2013

E che avvento sia!

Oggi è il 2 dicembre, quindi quest'anno l'Avvento è cominciato ieri che era domenica. 
Già da qualche giorno avevo cercato nel web delle idee simpatiche per creare un calendario dell'avvento per Bianca; insomma, sono io da meno di tutte quelle mamme che cuciono, disegnano, ritagliano e creano un sacco di cosette per i loro pargoli? Giammai! Allora mi ero informata per tempo, avevo gironzolato per bene nel web e avevo scovato un simpatico calendario da fare a mano con i calzettini; poi con una molletta per ogni giorno dovevo semplicemente appendere i calzini a una cordicella rossa. Et voilà il calendario.



Ho preparato tutto: calzettini, molletta, cordicella di rafia rossa, una cosa proprio green, ecologica, fatta a mano. E dentro? Cosa dovevo mettere dentro i calzini, insomma dentro le caselline dei giorni che mi ero creata? Cioccolatini? Noooo, gli zuccheri fanno male, si sa. Giocattoli? Noooo, il consumismo… Allora, sempre navigando qua e là ho trovato alcune semplici idee di cose da fare con Bianca. Alcune sono facili facili e le faremmo comunque: preparare il presepe, decorare l'albero di Natale, appendere la ghirlanda alla porta, andare alla fiera di Santa Lucia… Per altre mi sono dovuta ingegnare un po': preparare la cioccolata in tazza, fare i biscotti, preparare la pappa per gli uccellini, decorare la carta per i pacchetti…

Poi, mano a mano che si avvicinava il momento di scrivere questi fatidici bigliettini e appendere il calendario, ho sentito l'ansia che saliva: oddio, e se poi succede che quel giorno proprio non riusciamo a decorare i biglietti d'auguri? Ce la farò a rispettare questi impegni che mi sono posta da sola? 
Complice il fatto che ieri è stato il secondo compleanno di Bianca e ho dovuto preparare per il pranzo con i parenti, abbiamo avuto persone in giro per casa per tutto il giorno, ed è stato tutto parecchio impegnativo, ecco che stanotte ho avuto l'illuminazione.

Quando ero piccola avevo dei calendarietti dell'avvento semplici semplici, con un'immagine della natività o di Babbo Natale e delle finestrelle, se ne apriva una ogni giorno. Tutto qui, niente cioccolatini, niente lavoretti per impegnare i bambini, solo una finestrella al giorno da aprire. Allora stamattina sono andata in cartoleria e per la modica cifra di 3 euro e 90  ho acquistato quello che avevo in mente.



Oggi – con un giorno di ritardo, lo so – lo appenderemo alla parete e ogni giorno si aprirà un finestrella. L'albero di Natale? Certo che lo faremo. Il presepe? Of course, pure quello. La pappa per gli uccellini? Faremo in modo di sfamare ogni uccellino che si poserà sul nostro terrazzo. E leggeremo pure il libro sul Natale, andremo insieme alla giostra e ascolteremo i canti di Natale. Ma se non riusciremo a fare qualcosa non sarà un dramma. Se, chessò, la terza domenica di avvento non riusciremo a fare la cioccolata in tazza, non sarà un problema. Al massimo faremo il tè…