27 gennaio 2015

Una nuova educazione per i bambini del Terzo Millennio


Mi sono capitati sottomano gli appunti di un seminario a cui ho partecipato un po' di tempo fa sulla Pedagooogia 3000, proprio così, pedagogia con tre "ooo". Ma di cosa si tratta? Prima di dire che è stata fondata dall'antropologa francese Noemy Paymal, bisogna premettere che i bambini di oggi non sono quelli di cinquant'anni fa. 


Ce ne eravamo accorti, vero? Hanno più energia, sono veloci, si annoiano presto e possono fare varie cose in una volta. Secondo alcuni questo è dovuto all'elevato livello di stimolazione che ricevono fin dal periodo prenatale. Sì, perché viviamo in un’epoca dalle trasformazioni veloci che ci portano in direzione di sempre maggiori connessione e consapevolezza. La domanda è: il sistema educativo odierno è adatto a questi bambini?

Noemi Paymal risponde così: "Per fare  fronte al salto evolutivo senza precedenti di cui siamo testimoni ci vuole una nuova educazione. I bambini del Terzo Millennio nascono con maggiori capacità di percezione e di sensibilità negli ambiti fisiologico, affettivo, emozionale, etico, cognitivo, sociale, psicologico e  spirituale. Hanno nuovi metodi di apprendimento, sono autonomi e autodidatti, usano il loro emisfero destro in armonia con il sinistro, hanno una intelligenza emozionale molto sviluppata, il che genera creatività, originalità, flessibilità, sensibilità artistica, spontaneità ed empatia". 

Come si educano bambini così?
“Usando un nuovo approccio pedagogico aperto a tutte le metodologie di oggi e di ieri che educhino con amore, ascolto,  rispetto e flessibilità. L’autoritarismo, le lotte di potere non funzionano, quello che cerchiamo è una relazione orizzontale dove tutti possano apprendere. Non si tratta di una vera e propria metodologia, ma di un sistema aperto in cui la ricerca è continua e dove l'adattamento è costante ai cambiamenti storici e alle diversità geografiche e sociali."

Su cosa si basa Pedagooogia 3000?
“Il concetto chiave è educazione integrale, un’educazione che sia in grado di sviluppare tutte le dimensioni dell'essere: fisico, emozionale, intellettuale, etico, sociale, multiculturale, artistico, ecologico, spirituale. Pedagooogia 3000 riconosce il valido apporto di vari metodi come il metodo Montessori, il metodo Rudolf Steiner, il metodo giapponese Shishida, le esperienze di Reggio Emilia di Loris Malaguzzi, l’educazione biocentrica di Rolando Toro, l’educazione democratica di Israele, le esperienze delle scuole dei paesi scandinavi, il metodo peruviano Asiri, le novità delle nuove scuole statunitensi con l’homeschooling e l’unschoolingSi dà anche grande importanza al tema della multiculturalità incentivando a conoscere le esperienze educative dei popoli indigeni e millenari."

E allora, quali attività propone per i bambini Pedagooogia 3000?
“Tante e svariate: ascoltare musica di altri paesi, ballare, fare danze circolari (la biodanza libera le emozioni) e di folklore, raccontare leggende, fare yoga, lavorare con l'argilla e con l'acqua, cucinare, camminare, guardare le stelle, stare davanti al fuoco, andare in luoghi speciali, interessarsi di ecologia, accudire gli animali, fare lavori di falegnameria, lavorare nell'orto, realizzare mandala… ”.

Curiosi? Il sito www.pedagooogia3000.info con tante idee e cose pratiche da fare è in inglese e spagnolo, mentre in italiano è il sito http://pedagooogia3000-italy.weebly.com/