11 settembre 2014

La Rimessa del Sale a Cervia

Anche quest'anno parteciperemo alla Rimessa del Sale o Armesa de Sel, come si dice in dialetto romagnolo. Sabato 13 settembre, in quel di Cervia, si terrà la rievocazione dei festeggiamenti che i salinari allestivano al termine della stagione di lavoro. 




A partire dal primo pomeriggio tante persone si metteranno in fila sul porto canale per aspettare la burchiella, la barca in metallo dal fondo piatto, che trasporterà cento quintali di sale dalle saline fino ai magazzini per donarlo al pubblico presente. Il sale proviene dalla salina Camillone, l'unica rimasta a lavorazione artigianale dopo che dal 1959 la produzione è diventata industriale. I presenti riceveranno il Salfiore, il sale più pregiato, quello che viene raccolto a giugno all'inizio della stagione, lo stesso che viene donato al Papa, riprendendo un'antica tradizione di quando Cervia era dominio dello Stato Pontificio e il sale serviva per la mensa papale. 

Praticamente con la sporta di sale che viene fornita, in cambio di una piccola offerta, noi ci facciamo tutto l'anno, lo usiamo per salare l'acqua e i cibi, quando lo necessitano, per fare il peeling e pure nell'acqua del bagno della bimba quando ha il raffreddoreQuello di Cervia è definito un "sale dolce", un sale marino integrale che ha una presenza più limitata, rispetto ad altri, di sali amari che comportano un tipico retrogusto amarognolo. Così come la rievocazione della Rotta del sale, la Armesa de sel è sempre molto suggestiva: anticamente era un momento di grande gioia che vedeva i lavoratori del sale e le loro famiglie come protagonisti assoluti. Le burchielle si muovevano dalle saline ai magazzini dove sostavano per il controllo e lo stoccaggio dell'Oro bianco, la preziosa merce che trasportavano. 

Oggi la Rimessa è il momento clou di un programma ricco di eventi tra convegni, mostre fotografiche, visite guidate in salina, menu a tema che  quest'anno si svolgeranno da giovedì 11 a domenica 14 settembre: qui tutto il programma.

Siete pronti? Attenti, vedo già la burchiella…