23 aprile 2014

Fiori di Bach e libero arbitrio

Ho ritrovato gli appunti di un seminario con Daniela Ronconi, la naturopata che ho incontrato qui nel (piccolo) paese di Savignano. Di lei, dei Fiori di Bach e del metodo brevettato con cui li usa avevo già parlato in questo post. Sono una grande sostenitrice dei Fiori di Bach  – li prendo da quasi un anno – che hanno il potere non di cambiare la persona ma di riaccenderne la luce. 




Secondo la filosofia di Bach la sofferenza e la malattia derivano dal non rispettare le direttive dell'Anima: se la nostra personalità non è in collegamento con l'Anima, a causa dell'influenza degli altri, si instaura un conflitto tra l'Anima e la Mente generando una malattia che guarirà solo attraverso un lavoro di tipo spirituale e mentale. Bach ci invita a correggere i nostri difetti esaltando la virtù opposta, che poi è quello che sosteneva pure Maria Montessori.
Ed ecco allora che mi ritrovo questi appunti presi qualche mese fa quando Daniela invitò le persone che la seguono a un incontro a Forlì. Nessuno era a conoscenza della tematica che sarebbe stata trattata, eppure più di quaranta persone hanno deciso di fidarsi e di andare ad ascoltarla, così, a scatola chiusa. E, come inseguito ho imparato, Daniela ci ha per lo più invitati a riflettere, buttando lì, quasi per caso, delle domande:

"Cosa pensiamo di noi? Quale idea hanno gli altri di noi? Cosa possiamo fare per piacere agli altri? Spesso siamo così impegnati in questo che poi non ci riconosciamo più, ci ammaliamo e perdiamo la luce. Ci aspettiamo dagli altri la serenità e la felicità, ma noi cosa facciamo per ottenerle? Quando vogliamo assomigliare a qualcuno tradiamo noi stessi. E perché lo facciamo? Perché non ci conosciamo. 

Conoscersi è l'inizio della guarigione, ma bisogna essere pronti a farsi aiutare: non si può demandare tutto ai fiori, c'è un momento in cui dobbiamo tirare fuori la nostra forza. Per questo non ci sono fiori sulla volontà, questa è lasciata al libero arbitrio!
Bach cerca di restituire il sorriso alla nostra anima che si è scalfita e riga il disco come una puntina rotta.

Dentro di noi sono registrate tutte le aspettative della nostra famiglia su di noi che spesso sono diverse da quella che è la nostra naturalità. Allora dobbiamo iniziare ad ascoltarci, comprenderci, capirci. Quando ci ascoltiamo decidiamo se perdonarci o no e, quando ci perdoniamo, la verità è che ci stiamo rivoltando come un calzino. Mettendo le cose a posto dentro di noi, in modo spesso doloroso, ci diamo l'occasione per ricominciare ad amarci in modo diverso. Quando siamo nella direzione giusta, anche se stiamo male abbiamo la luce e non ci importa più quello che gli altri vedono di noi; la nostra anima ci dice qual è la nostra strada, di cosa abbiamo bisogno e di cosa no.

I fiori sono uno strumento che la natura ci mette a disposizione per stare meglio. Il fiore dà una direzione e questa spesso spaventa. Perché? La verità è semplice: se vuoi che l'acqua evapori devi accettare il bollore. Il che significa che la guarigione attraverso i fiori, che vanno a pulire le placche emozionali sedimentate durante la vita, costa fatica e perciò bisogna avere costanza e pazienza, accettando anche di soffrire pur di avere la salute veraI fiori agiscono come un cartello direzionale e quando stai meglio devi cercare di capire cosa succede dentro di te. Se hai un problema e dai la colpa agli altri ti stai prendendo in giro.

Perché accettiamo di farci del male? Perché spesso non diciamo semplicemente NO? Certo, con le persone che amiamo è più difficile, abbiamo bisogno di non perdere il loro amore, però ci dispiace di essere deboli e di fare sempre gli stessi errori. La verità è che abbiamo paura della solitudine, il che significa che abbiamo paura di noi stessi, delle nostre insicurezze e abbiamo paura di conoscerle. Il fiore lavora anche quando non ce ne accorgiamo, dà l'aiuto ma i fin dei conti è sempre il nostro libero arbitrio a decidere.

Qualunque persona incontriamo, essa cambia il nostro campo vibrazionale e dobbiamo imparare a capire se chi abbiamo davanti vuole il nostro bene o no. Impariamo a capire se stiamo con persone che ci danno buona energia e ad andarcene da quelle che ci fanno arrabbiare, serenamente."

Volete saperne di più sui fiori di Bach dalla viva voce di Daniela Ronconi? Cliccate qui.